Technicalia

QR Code: l'evoluzione del codice a barre

 29 novembre 2018
  |  
 Categoria: Tecnologia
  |  
 Scritto da: admin
qr code

Da qualche anno è sempre più frequente imbattersi nei QR Code (Quick Response Code, Codice a risposta veloce), che si presentano con dei moduli neri posizionati all’interno un quadrato dallo sfondo bianco. Partiamo dal principio: il QR Code, evoluzione del classico codice a barra, è stato sviluppato in Giappone nel 1994 dalla compagnia Denso Wave per tenere traccia dei pezzi e migliorare i processi interni relativi alla produzione delle auto Toyota.


A distanza di oltre venti anni, nel Paese del Sol Levante lo strumento ha guadagnato maggiore potere. Allo stesso tempo, la presenza di questi codici è nettamente aumentata anche in Europa a tal punto da trovare riscontro in numerose realtà.



QR Code come funziona


Il QR Code prevede la registrazione e memorizzazione di informazioni che possono essere lette in maniera molto veloce grazie a un comune smartphone. Appare chiaro dunque che i QR Code, decisamente interattivi, sono stati creati con l’intento di rendere rapida la lettura da dispositivi che ormai usiamo ogni giorno, tablet compresi. Tra i pregi dei QR Code, quello di funzionare anche se la superficie dovesse risultare danneggiata per un’area del 30%.


Eppure non tutti sanno che è possibile scansionare questi codici anche dal computer. In che modo? Basta scaricare un lettore qr code online. Sono disponibili infatti dei programmi che permettono facilmente la lettura di questi codici da un pc.

Una cosa è certa: oggi sempre più realtà nel mondo utilizzano i codici QR per testare prodotti o servizi. Un esempio su tutti: inserendoli in flyer, volantini e biglietti da visita, aumentano la comunicazione e trasformano le informazioni da cartacee a digitali senza alcun limite.



QR Code generator


Oggi è possibile creare codici QR sfruttando un generatore di codici QR. Tra i vari step da effettuare, la personalizzazione del codice con i colori e l’immissione del contenuto da cifrare oltre a un logo se richiesto. È bene sapere che i codici QR possono essere utili in campagne promozionali dato che sono anche misurabili: è possibile infatti avere informazioni dettagliate su dove e quando i codici QR sono stati notati e scansionati.



QR Code Android e iPhone


I possessori di iPhone possono scaricare alcuni software a costo zero utili sia alla scansione che alla lettura dei QR Code. Vi sono ad esempio app che danno vita in pochi secondi alla scansione dell’immagine: è necessario autorizzare la fotocamera a inquadrare il QR Code per ottenere così l’immediata decodifica. Contemporaneamente queste App danno la possibilità di generare QR Code personali.


Identico discorso per gli smartphone Android: qualsiasi utente può scaricare una serie di programmi per leggere i codici o crearli da zero, oltre a usufruire di innovative funzioni. Tra le app più note vi è Barcode Scannerd: basta scaricare il programma, posizionare lo smartphone sul codice e attivarlo. In pochi secondi si avranno così le informazioni necessarie che potremo conservare anche in un file.


Una volta letto il QR Code, infine, si presenteranno due possibilità: aprire il collegamento su una pagina web o mandare il link a chi si desidera attraverso un sms o una mail.


Barra strumenti
2012-2017 - Technicalia.it - Tutti i diritti riservati